Le infiltrazioni endoarticolari consistono nell’introduzione di sostanze terapeutiche (tra i più utilizzati: acido ialuronico, cortisone, anestetici locali ) all’interno di un’articolazione a scopo antalgico e/o curativo. In alcuni casi, può rendersi utile o necessario utilizzare un ecografo per visualizzare il comparto da trattare: si parla, in questo caso, di infiltrazione ecoguidata ed infiltrazione eco assistita.

La dr.ssa Gloria Tiffany Culuvaris – Medico Chirurgo Specialista in Ortopedia e Traumatologia con Master in Ecografia Muscolo Scheletrica (Scuola Italiana di Ecografia Muscolo Scheletrica, Bologna) ed Ozonoterapeuta Certificato Ed Affiliato S.I.O.O.T. – ci spiega i dettagli e rimane a Vostra disposizione per dubbi, domande, chiarimenti

Indicazioni più frequenti:

Controindicazioni:

Prodotti più utilizzati:

essendo un glicosaminoglicano, esso è altamente solubile in ambiente acquoso, pertanto è in grado di “trattenere acqua” ed altre molecole che nutrono la cartilagine articolare e lo rendono un ottimo “ammortizzatore delle articolazioni” (infatti è una componente fisiologica già presente nelle nostre articolazioni). In commercio ne esistono di varie tipologie e caratteristiche (basso, medio ed alto peso molecolare, cross linkato e non), per soddisfare le problematiche cliniche e i quadri strumentali più svariati, a scopo antalgico e curativo, soprattutto nella patologia meniscale, rotulea e nell’artrosi di lieve- media entità.

è insolubile, pertanto permane nel contesto articolare per un medio- lungo periodo e si utilizza soprattutto a scopo antalgico ed antinfiammatorio, associato o meo all’utilizzo di anestetico locale.  Talvolta si può associare ad un’artrocentesi (svuotamento dell’articolazione da liquido sieroso, o siero ematico) se l’articolazione è particolarmente tumefatta.

In commercio esistono numerose tipologie di corticosteroide ad uso intrarticolare, la cui scelta è subordinata al medico che si occuperà della procedura.

Procedura:

disinfezione accurata cutanea con clorexidina e/o iodio povidone.

subordinata alla zona da trattare (diversa lunghezza e diametro)

  1. Reperi visivi: clinicamente rilevabili (ginocchio, spalla, escluse alcune eccezioni);
  2. Reperi ecografici: ove la zona sia di difficile accesso (articolazione dell’anca), oppure nel contesto di strutture di dimensioni ridotte (piccole articolazioni, guaina tendinea). In questo caso, l’infiltrazione potrà essere ecoassistita: l’ecografo consente all’operatore di marcare i punti di ingresso, quindi si procede solo visivamente al trattamento, oppure ecoguidata: l’ecografo viene utilizzato per guidare l’ingresso dell’ago e per monitorare la procedura per tutta la sua durata.

Possibili complicanze:

le infiltrazioni articolari di sostanze terapeutiche possono talvolta causare sintomatologia dolorosa nelle ore successive al trattamento, pertanto si raccomanda l’applicazione di ghiaccio locale a cicli per le successive due ore, e riposo funzionale dalle 12 alle 48 ore (in base alla area trattata). Il ghiaccio previene anche la formazione di eventuali ecchimosi/ ematomi locali.

Le complicanze infettive sono di frequenza trascurabile, se si provvede ad un’adeguata preparazione del campo di lavoro e disinfezione della cute.

Particolare menzione come efficace trattamento infiltrativo è l’Ossigeno-Ozono Terapia. L’ozono è un gas che, in natura, si forma nell’atmosfera grazie a scariche elettriche che modificano la stabile struttura molecolare dell’ossigeno (O2), trasformandolo in O3. Ha un colore lievemente blu e un odore pungente. Una molecola di ozono è quindi formata da tre atomi di ossigeno ed è instabile: uno dei tre atomi tende infatti a separarsi per unirsi ad altre strutture molecolari, facendo ritornare la molecola di ossigeno (O2) alla sua forma stabile. Ma è proprio da questa instabilità che derivano le sue proprietà benefiche.

Sulla Terra infatti niente distrugge batteri e virus meglio dell’ozono. Può essere usato inoltre per eliminare, funghi, muffe, pesticidi, metalli pesanti, nitrati, nitriti e altre sostanze potenzialmente dannose. Grazie alla sua capacità di ossidazione, uccide i batteri attaccando la struttura molecolare delle loro membrane protettive e alterandone gli enzimi interni. Modificando la composizione molecolare di muffe, funghi e alghe, riesce ad annientarli. L’ozono è inoltre in grado di penetrare nelle strutture interne dei virus, danneggiando gli acidi nucleici virali e impedendo così la loro replicazione.


Per info e Prenotazioni:
CENTRO MEDICO SAN MAGNO
Via San Domenico, 1
Legnano (Mi)
Tel. 0331 02.83.38
Cell. 345 927.83.08

Mail: info@centromedicosanmagno.it
Web: www.centromedicosanmagno.it
Facebook: www.facebook.com/centromedicosanmagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.