“Negli ultimi anni, in Italia, la diagnosi precoce in ambito andrologico si è molto ridotta. Ciò è accaduto, in particolare, dopo la scomparsa della “visita di leva” che, di fatto, ha eliminato l’unica forma di screening su vasta scala delle maggiori patologie andrologiche della popolazione giovanile. I dati ci dicono che oggi, tra i giovani maschi italiani, meno del 5% si sottopone ad una visita andrologica prima dei venti anni. Diversamente, le ragazze della stessa età eseguono controlli ginecologici con adesione anche dieci volte superiore. Siamo, insomma, di fronte ad una oggettiva “discriminazione di genere” sulla prevenzione. Ciò comporta un aumento di malattie andrologiche non diagnosticate che rimangono tali fino all’età adulta, quando diventano incurabili o la cui cura diventa complessa per il paziente…” – cit. Prevenzione, diagnosi e cura delle patologie andrologiche dall’età pediatrica al giovane adulto del Quaderno del Ministero della Salute –

Lo screening andrologico è uno strumento utile per la prevenzione delle patologie e delle malformazioni dell’apparato riproduttivo maschile, e può aiutare l’uomo a trovare risposte a problemi come disfunzioni sessuali ed infertilità, ma anche a migliorare lo stile di vita correggendo problematiche che possono minare la sua salute sessuale. Tali patologie sono considerate come disturbi a sé stanti oppure come avvisaglie di disturbi più severi come cardiopatia ischemica, ipertensione arteriosa, diabete, sindromi endocrino-metaboliche di deficit di testosterone, ovvero l’andropausa. Non va sottovalutata infine la patologia tumorale andrologica: tumori del pene e del testicolo, spesso vengono diagnosticate in fase avanzata, per superficialità da parte del paziente di sottoporsi a valutazione clinica. La prevenzione e la diagnosi precoce assumono importanza anche nella popolazione maschile in età puberale per poter individuare precocemente patologie che potrebbero compromettere la fertilità.
Consigliato, anche in assenza di sintomi specifici, a:
adolescenti di sesso maschile
– uomini oltre i 50 anni

Lo screening urologico è sempre consigliato e, in particolare, è maggiormente indicato se si ha familiarità, si è soggetti o si presentano sintomi come sangue nelle urine, difficoltà ad urinare, incontinenza, ritenzione di urina nella vescica, dolori riconducibili a coliche…perché sono segnali che possono associarsi, ad esempio in ambosessi o in base al sesso, a ipertrofia prostatica benigna, cistite, tumori urologici (carcinoma prostatico, tumore vescicale, tumore renale, tumore del testicolo), calcolosi urinaria, infezioni urinarie, infezioni trasmesse per via sessuale, incontinenza urinaria.
Consigliato, anche in assenza di sintomi specifici, a:
adolescenti di sesso maschile
– uomini oltre i 50 anni
– donne oltre i 50 anni

Sottoponendoti allo screening puoi fare una diagnosi precoce, ed è sempre consigliato sottoporsi almeno a controlli annuali. Contattaci per conoscere cosa abbiamo riservato per te…La presente campagna è attiva fino al numero massimo di accessi disponibili.

Per info e Prenotazioni:
CENTRO MEDICO SAN MAGNO
Via San Domenico, 1
Legnano (Mi)
Tel. 0331 02.83.38
Cell. 345 927.83.08
Mail: info@centromedicosanmagno.it
Web: www.centromedicosanmagno.it
Facebook: www.facebook.com/centromedicosanmagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.